Il sistema di sanificazione tramite ozono è stato riconosciuto attraverso il protocollo n. 24482 del 31 luglio del 1996 del Ministero della Salute come presidio naturale che può essere impiegato per sterilizzare gli ambienti che sono contaminati dalle spore, dai virus o dai batteri o che sono infestati dagli insetti o dagli acari.

L’ozono è il più potente disinfettante naturale attualmente conosciuto, raggiunge facilmente i punti più nascosti eliminando fino al 99,98% di impurità, inoltre grazie al suo  elevato potere ossidante e igienizzante, riesce a inattivare in brevissimo tempo qualsiasi agente patogeno, virus, muffa, fungo e allergeni, oltre ad abbattere ogni tipo di odore.

L’ozono viene usato per ambienti chiusi infatti la procedura è quella di saturare le stanze. Il tempo che serve varia da alcuni minuti ad alcune ore in funzione della grandezza dell’ambiente da sanificare.

Non appena l’ozono entra in contatto con una materia organica, si innesca una reazione di ossidazione. 

In sostanza vengono uccisi tutti i microrganismi viventi, come acari, batteri, virus, muffe e funghi mentre le molecole degli odori vengono ossidate eliminando così ogni forma di cattivo odore.

Siccome l’ozono è un gas più pesante dell’aria riesce inoltre a penetrare anche all’interno delle fibre dei tessuti ed in questo modo raggiunge ed elimina ogni microrganismo e sostanza maleodorante.

VEDI ANCHE SANIFICAZIONI COVID19